Home Verifica dell'interesse culturale

Verifica dell'interesse culturale del patrimonio immobiliare pubblico

Il Decreto Legislativo 22 gennaio 2004, n. 42, recante il "Codice dei beni culturali e del paesaggio", introduce all’art. 12 il procedimento per la verifica dell’interesse culturale dei beni mobili ed immobili appartenenti allo Stato, alle regioni, agli enti pubblici ed alle persone giuridiche private senza fine di lucro.

In particolare l’art. 12 prevede che tutti i beni che siano opera di autore non più vivente e la cui esecuzione risalga ad oltre cinquanta anni, se mobili, o ad oltre settanta anni, se immobili, siano sottoposti all’accertamento dell’interesse culturale attraverso una procedura che prevede l’invio dei dati identificativi e descrittivi deglle cose immobili e mobili ai fini della valutazione di merito da parte dei competenti uffici del Ministero.

Per regolamentare tale procedura sono stati emanati appositi decreti ministeriali attuativi:

Decreto 6 febbraio 2004(in formato PDF, 255 Kbytes) (successivamente modificato dal Decreto 28 febbraio 2005), emanato di concerto con Agenzia del demanio, che stabilisce le modalità per la verifica dell'interesse culturale degli immobili appartenenti allo Stato, alle regioni, alle province, ai comuni e ad ogni altro ente o istituto pubblico;
Decreto 25 gennaio 2005 (in formato PDF, 239 Kbytes) che definisce le modalità della verifica dell’interesse culturale per gli immobili di proprietà di persone giuridiche private senza fine di lucro.
Decreto 27 settembre 2006 (in formato PDF, 1.481 Kbytes) che definisce i criteri e le modalità per la verifica dell’interesse culturale dei beni mobili appartenenti allo Stato, alle regioni, agli altri enti pubblici territoriali, nonché ad ogni altro ente ed istituto pubblico e a persone giuridiche private senza fine di lucro.
Decreto 22 febbraio 2007 (in formato PDF, 202 Kbytes) emanato di concerto con l'Agenzia del demanio, che definisce le modalità per la verifica dell’interesse culturale degli immobili in uso al Ministero della difesa.

La procedura prevista si caratterizza per il continuo concerto fra le Amministrazioni. Il flusso delle richieste sottoposte alla verifica è modulato, fase per fase, offrendo un percorso chiaro per tutti gli Enti pubblici coinvolti. Per uniformare e rendere più efficace la trasmissione dei dati descrittivi degli immobili è stato attivato il sistema informativo per la verifica dell’interesse culturale;

Guida introduttiva al sistema informativo (in formato PDF, 2130 Kbytes).

L’utilizzo del sistema informativo consente di:

  • acquisire i dati in un formato unitario;
  • ottimizzare i tempi del procedimento;
  • controllare l’iter del procedimento;
  • costituire una banca dati condivisa dei beni d’interesse culturale.

La Corte dei Conti ha condotto un'indagine conoscitiva sullo stato di attuazione del procedimento di verifica dell'interesse i cui esiti sono riportati nella delibera 16/2006/G (in formato PDF, 382 Kbytes) del 20 ottobre 2006.

La disamina della Corte è stata complessa e approfondita; in particolare la Corte riconosce che "il Ministero per i beni e le attività culturali ha dimostrato di aver ben percepito l'importanza strategica del compito ad esso affidato dal Codice 2004 e di essersi attivato con tempestività per l'esecuzione delle nuove disposizioni. (...) Forte era infatti la preoccupazione che gli uffici periferici del Ministero venissero “sommersi” da una grande mole di richieste e non fossero in grado di provvedere nei tempi richiesti dalla legge. Una tale evenienza non si è verificata grazie anche alle iniziative intraprese dal Ministero, sicché neanche un bene immobile è rimasto sottratto alle disposizioni di tutela per effetto del c.d. silenzio assenso".

Torna in cima

 
Copyright © 2011 benitutelati. Tutti i diritti riservati.

Autorizzazione ad alienare

Il procedimento di autorizzazione ad alienare è disciplinato dagli articoli 53-59 del Codice dei beni culturali e del paesaggio. La banca dati, accessibile solo in area riservata, raccoglie gli estremi delle richieste di autorizzazione, dei relativi provvedimenti nonché degli atti degli effettivi trasferimenti di proprietà, riferiti ai beni culturali cosí come individuati a seguito della verifica dell'interesse culturale.

Torna in cima